AUTOVELOX, LA NUOVA DIRETTIVA DEL MINISTERO AIUTA GLI AUTOMOBILISTI… GLI AGENTI SONO INDIGNATI!

AUTOVELOX, LA NUOVA DIRETTIVA DEL MINISTERO AIUTA GLI AUTOMOBILISTI… GLI AGENTI SONO INDIGNATI!

Autovelox, la nuova direttiva del ministero vieta agli agenti di nascondersi con gli strumenti di misurazione

Ci sono voluti quasi otto anni perché arrivassero nuove regole sugli autovelox e il loro uso da parte delle forze dell’ordine. Una buona notizia per gli italiani che stanno per andare in vacanza, visto che la direttiva del ministero dell’Interno sui servizi di polizia stradale dello scorso 21 luglio descrive in modo dettagliato tutti i casi in cui non dovranno più essere usati gli autovelox.

Le novità, riportate da Italia oggi, partono dai Tutor, che non potranno tenere sotto controllo un tratto inferiore a 500 metri. Nuova stretta sui dispositivi di misurazione della velocità, che ora dovranno essere sottoposti alla taratura ogni anno. A usarli potranno essere sempre e solo gli operatori delle forza di polizia, escludendo quindi tutti i tecnici privati.

Le nuove regole vietano nel modo più assoluto che i controlli per eccesso di velocità bidirezionali siano piazzati senza un’adeguata segnaletica disposta su entrambi i sensi di marcia. Sono altresì vietati i cartelli che avvertono della presenza di controlli senza l’installazione di una strumentazione nei paraggi. Arrivano conferme anche sul coinvolgimento dei privati e la tutela della privacy. Il fotogramma dell’infrazione non potrà mai essere inviato a casa del trasgressore. E già nello scatto, i volti dei trasgressori dovranno essere comunque oscurati in automatico.

Dal Viminale arriva finalmente il bando ai dispositivi, autovelox o sistemi con puntamento a laser, che non siano ben visibili agli automobilisti. Sia gli strumenti che gli agenti non potranno più nascondersi dietro cartelloni o cespugli per cogliere di sorpresa chi è al volante.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI

Fonte clicca QUI

loading...